Tel: 010 / 50.58.54      e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Liturgia e vita…

 

Carissimi amici vicini e lontani;

continuiamo ad esplorare il campo della Liturgia e vediamo come seguendo l’intenzione e l’espressione del Concilio Vaticano II, finalmente possiamo in qualche modo definire la Liturgia. Essa ‹‹è un’AZIONE SACRA attraverso la quale, con un RITO, nella CHIESA e mediante la CHIESA, viene esercitata e continuata l’opera di Cristo, cioè la santificazione degli uomini e la glorificazione di Dio››.

  1. AZIONE SACRA: un’azione di culto; azione dunque non in senso esterno, ma nel senso contenuto nelle parole di Cristo: “ Ho compiuto l’opera che tu, Padre, mi hai dato da fare”.
  2. Attraverso la quale: è un’azione che deriva la sua virtù dal fatto di essere il mezzo, lo strumento, attraverso il quale Cristo si fa presente come agente principale. Infatti la Liturgia è un’azione partecipata da Cristo, attraverso la quale la Chiesa compie quanto Cristo ha compiuto.
  3. Con un RITO: il Rito è il segno sacro che significa una realtà e la realizza. Questa natura rituale della Liturgia serve a significare ed attuare la memoria e la presenza di Cristo, e come Cristo realizzò un’opera divina nella sua umanità unita al Verbo di Dio, così il RITO liturgico apporta nella sua materialità il significato e la potenza del Verbo di Dio, e in tal modo esso è come un prolungamento dell’opera di Cristo che ci fa toccare la stessa divina potenza della Sua umanità.
  4. Nella CHIESA: la Chiesa è intesa come il corpo vivo e reale di Cristo, nel quale lo stesso Cristo capo è presente ed agisce con la Chiesa.
  5. Mediante la CHIESA: Cristo adesso non opera più il proprio ministero direttamente e da solo, ma mediante la Chiesa. Infatti l’opera sacerdotale di Cristo diventa per partecipazione l’opera sacerdotale della Chiesa in quanto corpo di Cristo, e quindi la Liturgia appartiene alla Chiesa come sua realtà peculiare. La Liturgia è la modalità particolare del culto nella quale, mediante la Chiesa, avviene adesso nel mondo ciò che un tempo fu compiuto da Cristo nel suo mistero.
  6. L’opera sacerdotale di Cristo: è l’opera totale dell’incarnazione che Cristo ha compiuto in modo sacerdotale, cioè come mediatore che unisce Dio e gli uomini e gli uomini a Dio: tutto ciò mediante il suo sacrificio o Mistero Pasquale. (cfr. 1 Pt 2, 9)
  7. Santificazione e glorificazione: quella di Cristo fu opera di glorificazione di Dio attraverso la santificazione degli uomini. Infatti, Cristo rese culto a Dio nel senso che in se stesso egli ricondusse a Dio gli uomini purificati, santificati e riconciliati.

Ora questa stessa opera viene attuata nella Liturgia: qui l’uomo viene santificato ed in questo modo può dare gloria al Padre.

 

Fra’ Riccardo G.